di Enrico De Angelis

piccola-mare-2.jpg

Con Piccola Mare siamo di fronte ad una delle opere più originali ed oniriche di Simone Massi. Si tratta di un cortometraggio che esula dai canoni della sua produzione in particolare per la realizzazione a colori. L’autore pergolese ha sempre privilegiato la realizzazione delle sue opere in bianco e nero con piccole presenze di colore (solitamente il rosso). La sorpresa più bella è vedere come questi siano in uno stato di fermento e pulsino di vita propria. Il maggiore utilizzo del blu pare indicare un’ideale collocazione temporale del corto nel cuore della notte.
Le immagini scorrono, una di seguito all’altra; con un punto di vista originale a volo d’uccello, con persone, animali e luoghi della memoria. Memorie e pensieri sono presentati dalla voce narrante di Marco Paolini e accompagnati dalle musiche di Nick Phelps in un’atmosfera che viaggia tra sogno e realtà, dove le emozioni dell’autore sono evocate piuttosto che spiegate. La colonna sonora si insinua tra un fotogramma e l’altro, avvolge le immagini e le accompagna dolcemente in un sogno magico. I rumori del treno, del mare, di un tuffo in acqua e il verso di un gabbiano non sono un disturbo, ma una sorta di variante che si sposa perfettamente con la colonna sonora, arricchendola ed esaltandola.
Questo “ideale viaggio” nei pensieri è aperto con un brevissimo pezzo di pochi secondi in cui l’autore delinea un tipico scorcio di campagna marchigiana, con i suoi piccoli fazzoletti di terra diversi uno dall’altro per dimensione e colore. Un breve omaggio che l’autore fà alle sue origini, fattore ricorrente nella sua produzione cinematografica, quasi a voler lasciare il tangibile ricordo di un passato comune a tanti e che è ancora presente dentro di noi.
Un invito alla visione che d’incanto può trasformarsi in sogno da vivere intensamente senza esitazioni. Si è di fronte a qualcosa di nuovo e vivo come tutta la produzione di Simone Massi, ma in questa occasione alcune emozioni trasmesse sono accentuate anche grazie al perfetto connubio che si realizza tra immagini, musiche e voce narrante.

______________________________________________________________________________________

ARTICOLI CORRELATI

La memoria dei cani. Intervista a Simone Massi