Libri

“Così nuda così violenta” alla Biblioteca Pubblica di Fabriano

Si svolgerà sabato 12 ottobre alle 18.00, presso la Biblioteca pubblica “Romualdo Sassi” di Fabriano la presentazione del libro Così Nuda così violenta: Enciclopedia della musica dei mondi neri del cinema italiano di Alessandro Tordini. Arcana editrice, 2012.
Sarà presente l’autore Alessandro Tordini. L’incontrò sarà introdotto e coordinato da Giuseppe De Angelis (CortoperScelta 2003-2011).

L’AUTORE. Alessandro Tordini. Marchigiano, cresciuto ascoltando musica metal e guardando film horror, si è laureato in Storia del Cinema con la tesi “Musica per l’immagine: il cinema di genere italiano”. Terminata la stesura del suo primo lungometraggio, L’albero nero, attualmente sta lavorando a un nuovo script.

IL LIBRO. Da alcuni anni, il cinema di genere italiano degli anni Sessanta e Settanta vive una seconda giovinezza. Proliferano articoli, fanzine, ristampe in digitale di film, siti internet, rassegne ed eventi a tema dedicati alla commedia dei Pierini, al mitologico dei Macisti, al western dei Sartana, allo spionistico degli agenti 077, alla fantascienza di serie B e soprattutto ai “Mondi Neri”: gotico-horror, giallo-thriller e noir-poliziesco. La colonna sonora è il valore aggiunto di questo cinema “artigianale” frutto del lavoro di compositori, direttori d’orchestra, musicisti… I brividi sulle note dei Goblin per Profondo rosso di Dario Argento, la suspence sulle partiture di Franco Micalizzi o Stelvio Cipriani per i polizieschi di Umberto Lenzi e Stelvio Massi. Sensazioni che tutti abbiamo provato. Piero Piccioni, i premi Oscar Ennio Morricone e Luis Bacalov (per citare solo i più famosi) sono nomi ormai familiari per tutti. Con il loro contributo, l’opera di registi come Mario Bava e Riccardo Freda, Duccio Tessari e Sergio Martino è stata sottratta a l’oblio in cui la critica del periodo l’aveva relegata. Quentin Tarantino, John Carpenter e Brian De Palma hanno più volte confessato l’influenza ricevuta dai nostri maestri del poliziottesco e dal sapiente uso delle colonne sonore. Così nuda così violenta è il saggio che mancava, una vera e propria enciclopedia che colma le lacune documentali attraverso le recensioni di più di 200 colonne sonore raccolte nelle schede di oltre 75 compositori e le trame dei rispettivi film, con commenti e curiosità, bibliografie, filmografie, discografie, solisti ed esecutori, ma soprattutto le conversazioni con compositori, registi e sceneggiatori, proponendosi come un viaggio dentro immagini, musiche e personaggi che hanno reso Cult quell’irripetibile ventennio.

Pagina FB Così nuda così violenta

La presentazione su Arcana editrice

 

Senza categoria

Ultimo maremoto di corti

Stasera, domenica 8 agosto, ultima serata con i corti di CortoperScelta  live @ Maremoto festival. A partire dalle 21.30 recupero proiezioni di venerdì 6, rinviate causa maltempo. Alcune anticipazioni: “Il supplente” di Andrea Jublin, “Porta a porta. Gioco da tavolo” di Gianni Ricca, “Autopia zen 41600” di Daniele Carrer, “The  Obscure Brother” di Linda di Franco e le sequenze dei millemetraggi di Ila Beka. Dopo il successo riscosso nella precedente serata (ieri, ndr.), tutti pronti a godere emozioni da veri professionisti del triciclo cinematografico, in compagnia del sax di James Senese e Napoli Centrale.

 

CortoperScelta 2010

Associazione Arancia Meccanica – Contrada Marezi, 18 – 63010 Massignano (AP)

www.cortoperscelta.it – cortoperscelta@gmail.com

Organizzazione: Giuseppe De Angelis tel. 329 20.789.49

Ufficio stampa: Dante Albanesi tel. 329 615.40.38

Senza categoria

Maremoto festival: il programma

Il festival del cinema breve CortoperScelta per la prima volta a Maremoto live.  Manifesto e programma

manifesto_maremoto_2010-web.jpg

leggi tutto su maremotofestival.it

 

Senza categoria

CortoperScelta live @ Maremoto Festival

Nuova avventura per CortoperScelta.

Il 6 e 7 agosto 2010 il festival del cinema breve sbarca al MaremotoFestival di San Benedetto del Tronto, organizzato dall’Associazione culturale Occhio per Orecchio

maremotofestival.gif

Sarà proposta una ricca selezione di cortometraggi appartenenti all’archivio del festival. Proiezioni che si alternano a concerti. Programma a cura dell’Associazione Arancia Meccanica di Massignano e del critico cinematografico Dante Albanesi.

Un formato inedito da non perdere. Diretta live solo su:

MaremotoFestival>> San Benedetto del Tronto>> 6-10 agosto 2010

www.maremotofestival.it

Senza categoria

Born to Love You – Bob Wiseman

Born to Love You music video from multi-talented toronto musician and film maker Bob Wiseman

Senza categoria

Movimenti fissi: Her Morning Elegance


Her Morning Elegance è il popolare videoclip d’esordio di Oren Lavie, poliedrico artista israeliano: cantante, compositore, drammaturgo e regista teatrale. Il video, un singolare piano sequenza a camera fissa con oggetti in movimento, ha recentemente scalato le classifiche di tutto il mondo, guadagnandosi la nomination come Best Short Form Music Video ai Grammy Awards 2010. Il brano fa parte del suo album d’esordio The Opposite Side of the Sea.

Senza categoria

per Giovanni Allevi… per Giacomo Puccini

Il 21 dicembre 2008, alla vigilia del 150mo anniversario della nascita di Giacomo Puccini, nelle sale del Senato della Repubblica Italiana, è avvenuta la definitiva consacrazione per il giovanissimo Giovanni Allevi, il compositore musicale di Ascoli Piceno che a soli 39 anni è già da tempo considerato il vero genio della musica contemporanea, per tradizione, innovazione ed eclettismo.
Nel consueto concerto di Natale a Palazzo Madama Allevi è stato chiamato prima ad omaggiare il grande Maestro Puccini, poi a ricoprire l’inedito ruolo, per il concerto del Senato, di direttore/esecutore delle sue stesse composizioni.
Allevi ha diretto l’orchestra sinfonica de “I virtuosi italiani“.

Senza categoria

Sigur Ròs – Heima di Dean De Blois


Dall’estrema Islanda, dal genio dei Sigur Ros, tra i più importanti gruppi Rock contemporanei, nasce il bellissimo film documentario Heima di Dean De Bois (2007). A ritorno da una lunga tournée mondiale nel 2006, i Sigur Ròs vanno alla ricerca della loro intimità e dei familiari paesaggi verdi e glaciali restituendosi alla loro terra.
In Heima non viene raccontata la classica tournèe musicale fatta di live epocali, stadi pieni, fan impazziti; la musica e i concerti sono elementi che fanno da colonna sonora a un documentario sulla natura primitiva dell’Islanda e sul forte tessuto degli islandesi, sul loro modo di resistere, di essere fieramente marginali e lontani dall’europa continentale.
In un viaggio lungo tutta l’isola De Blois  documenta, con sapienza narrativa e cinematografica, i più profondi momenti di intimità del gruppo. I protagonisti sono ripetutamente sorpresi nell’emozione, talvolta nell’imbarazzo di suonare di fronte al loro pubblico dopo l’onda di successo e i concerti around the world. Ma la tournée in Islanda è quasi improvvisata, realizzata su colline, sulle soglie di ghiacciai, nel cantiere di una diga che deturperà l’incantevole paesaggio come forma di protesta pacifica, in un vecchio capannone dismesso dove vive la storia dei pescatori di un piccolo villaggio ora abbandonato. Così le distanze tra musica, poesia e pubblico sono abbattute e nasce un dialogo amichevole scandito da ritmi celestiali.
Ai tradizionali strumenti acustici ed elettronici si aggiungono elementi naturali dell’Ultima Thule, come l’inedito xilofono di pietra. La loro sofisticatissima musica si fonde anche con bande cittadine o cori di comunità, dando vita a concerti da forte contrappunto, sai visivo che sonoro. Proseguendo in performance musicali con il conterraneo gruppo “Amiina”, il viaggio si chiude a Reykjavik, capitale dell’isola, dove il gruppo abbandona la natura per tornare alla realtà metropolitana degli ultimi anni: nasce così un grande concerto, non più acustico come nelle precedenti tappe, dove elettronica, effetti luce e video tornano protagonisti. Si riconsegnano così al mondo che li attende fuori dai loro confini, dalla loro casa, dalla loro Heima.

Giuseppe De Angelis